ricalco2

 

Cos’è Il RICALCO IN PNL?

 

 

 

“Il RICALCO è il procedimento mediante il quale rimandiamo al cliente per retroazione, con il nostro stesso comportamento, il comportamento e le strategie che abbiamo osservato in lui: cioè andiamo verso il suo modello del mondo.”

(Dilts, Bandler, Grinder, DeLozier Programmazione Neurolinguistica)

 

“Il ricalco è l’essenza di ciò di cui si ha bisogno per stabilire un rapporto. Significa entrare in relazione con il cliente basandosi sul suo modello del mondo e stabilire con lui delle affinità sia a livello cosciente sia, cosa ancor più importante, inconsciamente. Ci sono tanti modi per farlo, quanti ne permette la vostra esperienza sensoriale; nella misura in cui voi potete adeguarvi al comportamento verbale e non verbale di un’altra persona, ricalcherete la sua esperienza. In sostanza ciò significa che un terapeuta si inserisce in un meccanismo di bio-feedback, divenendo per il cliente uno specchio. Si tratta di un’altra delle tecniche più importanti e più efficaci per influenzare il comportamento” (Lankton, Magia pratica).

 

Tipi di ricalco

 

Dato che ricalcare significa mettersi al passo con il ritmo della persona che si ha di fronte, con il suo ritmo, comprendendo come pensa, come agisce, come usa le informazioni, parlando nello stesso modo, respirando allo stesso ritmo, voi state rispecchiando questa persona e quindi state stabilendo le basi del rapporto.

 

Ricalco dell’accordo

 

Se diciamo ad una persona una serie di elementi ( 6 o 7) rilevanti, ritenuti validi e veritieri per questa persona, l’ottavo verrà accettato senza resistenza.

 

Ricalco emotivo

 

Alla base del ricalco voi dite : riconosco il tuo stato, ti comprendo, ti accetto, io sono come te, siamo simili. Contraddire in modo diretto la persona otterrebbe come risultato una difesa da parte dell’altro.

 

Ricalco della postura

 

Ad esempio se vi trovate con una persona che ha l’abitudine di grattarsi la testa quando pensa, anziché grattarsi la testa per imitarla, potrete grattarvi leggermente un ginocchio senza apparire ovvii nel vostro ricalco. Per es. non guardare mai la persona in faccia ma attraverso la comunicazione non verbale ( seguire lo stesso ritmo), si ottiene un ricalco inconsapevole.

 

Ricalco del tono e del ritmo

 

Fattori quali la velocità con cui parlate, l’inflessione, la tonalità ed il ritmo che usate costituiscono un’impronta auditiva di chi siete e di come vi state esprimendo in quel momento.

 

Ricalco linguistico

 

La forma del linguaggio include parole specifiche e codici che spesso indicano l’orientamento culturale della persona. Si ha la capacità di adattare le vostre parole allo schema di pensiero e di espressione dell’altro.

 

 

ricalco1

Quello meno diffuso ma che consiglio a tutti di provare è il RICALCO DEL RESPIRO. Ascoltare il respiro dell’altro, osservare l’altro e iniziare a imitare il ritmo del respiro dell’altra persona quando parla. Richiede una grande capacità di ascolto, ma vi assicuro che FUNZIONA. La persona si sentirà compresa e amata.

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...